Skip navigation

Category Archives: Ruota libera

Vi è mai capitato di esistere invece che vivere? Beh, penso di si, chi in tutta la propria vita non ha provato un senso di insoddisfazione di cui non capiva la natura? Essere in balìa degli eventi senza nessuna possibilità di controllo? Penso che questo succeda specie nell’età adolescenziale, con strascichi corposi nella prima maturità, ammesso che una qualche sorta di maturità si conquisti effettivamente con la crescita. Solo pochi fortunati possono dire di non esserci mai passati.

Esistere è ben diverso da vivere. Ma il difficile sta nell’accorgersene, e preferibilmente in tempo, prima di trovarsi senza vie d’uscita e con il rischio di scoppiare. Francesco ci riesce appena in tempo. Francesco è l’alter-ego di Fabio Volo nel suo secondo romanzo, E’ una vita che ti aspetto. Il poliedrico personaggio TV nonchè attore ci racconta una storia di transizione dalla semplice esistenza alla vita. Lo fa con stile semplice e diretto ma coinvolgente, in quanto riesce ad esprimere sensazioni comuni a tutti, giovani e non. Tutto ciò senza tralasciare l’ironia, rimedio principe alle situazioni critiche, senza la quale il genere umano non potrebbe andare avanti. In fondo la soluzione che Francesco cerca di perseguire e che viene proposta al lettore è la più semplice, e neppure tanto originale, tanto banale quanto rivoluzionaria: buttarsi a capofitto nella vita, senza prendersi troppo sul serio, ma con la consapevolezza che un altro giro di giostra non ci è concesso. Bisogna scoprire la vitalità di noi stessi e di ciò che ci circonda. Questo è il messaggio che accomuna questo piccolo libro a grandi filosofie, un messaggio da urlare e tramandare.

Ma non è facile riuscirci. La difficoltà sta nell’attivare le risorse di vitalità che proprio la vita ci offre. E che spesso sono dentro di noi, già ci sono. L’abilità richiesta è saper trovare il buono in ogni cosa e la forza di reagire, o semplicemente agire. L’Uomo, nel senso più ampio possibile, ha le capacità per far bene, anche se a volte sembra che la Storia sia lì apposta a dimostrarci il contrario. La Forza che ci contraddistingue secondo molti è ciò che comunemente chiamiamo Amore. Ed è proprio con l’arrivo dell’amore, quello vero, quello che aspetti da una vita, che si conclude il romanzo. Si parla molto di sentimenti e di relazioni amorose in questa storia. Ma solo alla fine il protagonista sembra arrivare alla soluzione della sua lunga ricerca dell’anima gemella, dopo numerose storie effimere. Perchè per amare davvero si deve prima amare sè stessi.

La felicità dell’altro attraverso la propria e viceversa. Forse non basta una vita per capirlo. Forse basta un semplice libro.

Fede