Skip navigation

Il petroliere è una delle più grandi delusioni dell’anno (?). E non solo nella sua localizzazione italiana, che ci priva delle uniche due cose decenti spettate invece agli anglofoni (titolo e voce di Day-Lewis…rivedere certe sequenze in lingua originale dà i brividi)…

No, si tratta proprio di un film irritante. Perchè? Perchè c’erano tutti i presupposti per avere un gran film. Un protagonista capace di reggere le due ore e mezzo praticamente da solo, una storia interessante.

Il film si propone come la storia di un self-made man, e narra la sua ascesa sociale e la sua misantropia devastante. Ma a differenza di un Ebenezer Scrooge, non c’è poesia nella sua caduta, nessuna drammaticità nei rari (vani) momenti di (falsa) redenzione. Il film è pervaso di freddezza, l’ombra del “capolavoro a tutti i costi” oscura quello che nei presupposti, capolavoro lo poteva essere davvero. Con meno presunzione, magari ripartendo dal linguaggio più vellutato di Magnolia.

Qui si punta tutto su Day-Lewis, ma il caro Anderson si dimentica che non siamo a teatro (fosse stato, avrei gridato anch’io al capolavoro), ma al cinema. Dove non basta un attore agitato e urlante (con tatuato “OSCAR” sulla faccia), per creare un film. La sceneggiatura, è piena di buchi, scritta talmente male che mi fa pensare ad una stesura affrettata (spero, sennò c’è da cambiar mestiere). Non si capisce quello che succede, non si capisce perchè. Un film che fa della linearità e del climax lento e inesorabile la sua forza, con le uniche variazioni sul tema basate sui ghigni di Day-Lewis (che da Mohicano o gangster era davvero impareggiabile), questo non se lo può permettere.

Lo scontro con il fanatico religioso, poi, assume tratti ridicoli, in certi punti davvero è difficile trattenere il riso (anzi, gli ortaggi), per non piangere ovviamente.

L’unica sequenza davvero degna di nota è quella finale, pochi minuti che avrebbero meritato una diversa collocazione, che li valorizzasse, o anche da soli degni di un cortometraggio. Peccato che il contesto stoni più di Cameron Diaz al karaoke.

Peccato. Mi aspettavo tanto da questo film; sono uscito deluso, a tratti disgustato. Non fosse stato per l’arroganza con cui il prodotto è stato confezionato (non vedevo un film così presuntuoso e creato solo per gli Oscar dai tempi di American Beauty), avrei potuto perdonare le innumerevoli mancanze.

Invece, sedotto e abbandonato, mi spiace, boccio in tutto e per tutto “There will be blood”, anzi, “There will be blood” inteso come titolo, è l’unica cosa che salvo.

Anderson, il silenzio è d’oro, hai perso una bella occasione. Compito a casa, rivedersi Barry Lyndon.

E ripartiamo da Magnolia.

Dan

p.s.

per non fare lo stesso errore di Anderson, voglio specificare che queste sono solo le MIE impressioni, e sicuramente a Los Angeles capiscono più di me (infatti, direbbe il maligno, l’Oscar è andato ai Coen, nemmeno al loro meglio)…e comunque, beh, solo opinioni…e mi dispiace per la mancanza di umiltà, e i toni un po’ sopra le righe, è che proprio, da spettatore e ammiratore, sono stato offeso, oltre che deluso…e in fondo questo è pur sempre un blog, si fa per scrivere, senza pretese.

Annunci

2 Comments

  1. Totally< Agree. Peggiore film dell’anno assieme a L’ Amore ai tempi del Colera, che lo precede in classifica perchè ha volutamente storpiato ed umiliato un grande libro ed un maestro dellaa narrativa mondiale.

  2. Sì, mio Dio, L’amore ai tempi del colera è quasi un insulto, un film ridicolo. Non ho letto il libro, ma mi parlano di una bellissima opera, ancora sanguinante per le ferite che questo film gli ha causato.
    Unica nota positiva, la bella colonna sonora di un’insospettabile Shakira.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: