Skip navigation

Intervento brevissimo, impalpabile quasi, ma volevo lasciarvi un rapido commento sul film cinese di un pajo di sere fa… Innanzitutto, quella che è diventata il titolo di questo post, è una frase pronunciata durante le battute iniziali del film, e siccome chiaramente mi ci ritrovo, mi ha ben disposto alla visione della pellicola.
I presupposti erano i seguenti: nella sera del mio ultimo esame di luglio, e della vigilia del penultimo del mio compagno di sventure (ma non come lo intende Wong Kar Wai, il regista di questo film…), era stata approvata all’unanimità la visione di 2046, film che ci aveva attirati fin dalla sua uscita (2004), semplicemente a causa del titolo.
E’ un titolo figo, non si può negare.
E finalmente, dopo tempo, era stato recuperato al blockbuster. E Hallelujah! Sì, perchè adesso parte l’invettiva contro blockbuster, che sistematicamente mi nega la visione dei film di Lynch, non avendoli in catalogo.
Maledetti! Mi tocca comprarli su Amazon e vivere di stenti!

(e qui parte la querela, chiusura del blog ed esecuzione mediatica del sottoscritto…addio!)

Comunque, dicevo: 2046!

Ecco, decretato dalla critica come il successore ideale di In The Mood For Love, che non ho visto, ma che tutti mi dicono di recuperare (“Ti piacerebbe”), assistiamo un po’ ad un film che lascia abbastanza attoniti. Innanzitutto, la bella frase di cui sopra (titolo, frase…come sono superficiale…), poi quella che via via si rivela essere una sfilata delle donne più belle dell’oriente: Gong Li, la musa di Yimou, di cui tutti saprete e di cui tutto ammirate, poi la ragazzina terribile Zhang Ziyi, altra diletta di Yimou e che ricorderete volteggiare sui tetti ne La Tigre e Il Dragone…e infine una mia pupilla da tempo immemorabile (non esageriamo, sono ancora giovane): la dolce Faye Wong.

Di lei, che poi sarà il mio personaggio preferito nel film, dirò solo che ha interpretato Eyes on me, la theme song di Final Fantasy VIII, uno dei miei giochi della vita, nonchè la sua personalissima versione di Dreams, dei Cranberries (usata, sempre dal nostro Wong Kar Wai come colonna sonora di un altro suo film con la bella Faye: Chunking Express)…che forse è la mia canzone preferita! Non dico altro. Perchè sì, oltre ad essere bellissima e a recitare bene, canta anche da Dio.

Quello che invece lascia un po’ interdetti è il protagonista, un Arturo Bandini orientale (insomma, si è capito, film per me)…scrittore squattrinato che vive in una camera d’albergo di Hong Kong. La numero 2047. E da lì, in un inquieto mosaico temporale, con le tessere disposte disordinatamente, fa la conoscenza (in tutti i sensi) di coloro che si avvicendano nella camera 2046.
Un personaggio cinico (e un po’ sessuomane), che si contrappone alla dolcezza e in alcuni casi, alla tenera tristezza, delle ragazze che via via conosce…angeli cui affianca il volo, per poco, ma ai quali invariabilmente spezza le ali.

Nel corso della sua permanenza ad Hong Kong, comincerà la stesura di un romanzo di fantascienza, ambientato nel 2046. E dentro, c’è lui e le sue donne, in un viaggio a ritroso nel tempo, che coincide con separazioni e mille dubbi e domande.

Sicuramente mi è piaciuto molto. Strano e visionario quanto basta, originale e divertente, a tratti, ben meno ilare nella maggior parte dei casi. Ma intenso, questo sì, e quelle tre donne meravigliose, così diverse ma bravissime, tutte, danno al film una personalità e una forza che è la somma delle loro virtù.
Dalla decisione e lo sguardo che brucia (come dice il mio amico Raffaele, che la adora) di Gong Li, alla lasciva risata, giovane e intrigante, di Zhang Ziyi, un po’ Lolita, almeno all’inizio.
E infine, il gioco di sguardi e silenzi di Faye Wong, dal viso così romantico…

No, decisamente bello, intenso ma mai pesante… e sicuramente non è l’ultimo che vedrò di questo sorprendente regista.
Sa anche essere divertente, di quel riso che però lascia sempre l’amaro in bocca, perchè resta, di fondo, un velo di malinconia.
Ma è un film che, pur a suo modo, parla d’attimi di vita vissuta, e si sa, i ricordi sono sempre bagnati dalle lacrime…

Dan

Annunci

One Comment

  1. Bello il fotogramma, se non fosse per il braccio col telefono che dà l’impressione di essere… ma lasciamo stare.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: